Gocce di Luce - mistica seguita da Don Armando Loffredi

Messaggio più recente in fondo alla pagina

15 novembre 2009: "Oggi la mia Parola vi annuncia la fine dei tempi, ove le forze del mondo saranno sconvolte, ove molti periranno e altri, da vivi, saliranno in Cielo. Le potenze dei mari e dei cieli saranno stravolti poiché ha fine il ciclo naturale della vita, giunta a maturazione, a compimento il tempo dato agli uomini, alla terra che si esaurisce nel suo compito giunto a termine; e ciò che è bene è per sempre, e ciò che è male è male per sempre...  Ora viene la fine di questo tempo malvagio, e come ogni fine, anche in questa ora le potenze del mondo saranno sconvolte, dato che la natura è intimamente a voi ancorata, e sarà sofferenza per gli uomini, gli animali e per la stessa natura che partecipa di questo dolore, che è purificazione per la rinascita al bene di questo mondo..."
21 settembre 2010: “Giunge l’ira di Dio, ed è ira santissima e reale quando ogni mezzo offerto all’uomo non ha risposta. Dio chiama con invito d’amore, viene non per condannare, ma giunge il tempo della santissima ira sua, poiché Iddio ne fa ancora mezzo di salvezza e purificazione dal male e trasfigurazione nel suo bene per far sì che i più, che i molti salvati, possano accedere al banchetto celeste ove sarete i miei commensali, poiché mi avrete seguito. Ti benedico."

16 marzo 2011 [5 giorni dopo lo tsunami] "Figlia mia cara, tu mi preghi per questi eventi così disastrosi ed io ti rispondo con la parola di stasera: Ninive doveva essere distrutta entro 40 giorni per il cumulo dei suoi peccati, ma i suoi i abitanti hanno seguito l’invito di Dio per bocca del profeta, e si sono posti in conversione, hanno fatto penitenza per espiare al loro peccato, hanno cambiato vita, e non c’è stata più la distruzione, ma la vita. Ancora nel Vangelo io vi dico: se in quella città hanno seguito l’invito al cambiamento, alla conversione per mezzo del profeta, quanto più dovreste ascoltare il mio richiamo? Perché allora non vengo ascoltato? …Cosa alza le alte onde del mare? Cosa scuote la terra? Oh, gli scienziati diranno: “Sono fenomeni naturali!”. Sì, è vero, e si attuano per evento naturale, ma chi lo fomenta, chi lo accende? E’ il diavolo che prende forza dai peccati, dalla enorme energia negativa del male che gli dà potenza di usare la stessa natura contro gli uomini. Dio non vuole la distruzione, ma vi richiama e invita a vivere nella rettitudine, e poi: del dolore, che è frutto delle scelte umane, ne fa una storia di purificazione e riscatto. Il Giappone così apparentemente ubbidiente e civile è ormai possesso del paganesimo; le giovani generazione non seguono più nemmeno i riti e le credenze dei loro antichi padri, il loro dio è la tecnologia e il successo del denaro e il prestigio, una tecnica scientifica che cerca persino di ricreare la vita: l’uomo, e che si pone a sfida di Dio. Le loro immagini violente hanno varcato gli oceani per devastare la mente di tanti innocenti. Quanti peccati che satana usa per porsi contro essi stessi. Non cercano l’aiuto e l’alleanza con il Creatore! … La conversione vi cambia in Dio, e in Dio voi avrete l’amicizia con la natura; scende allora la mia benedizione. Ancora la mia mano si alza e dico: “Taci!” alla bufera; e le acque e la terra si acquietano.”

17 maggio 2012: "La Chiesa sarà perseguitata, e molto dura sarà la prova, ma così come è la nascita di un figlio per cui c’è un parto preceduto dal dolore, simile sarà per il parto di questa nuova era: ci sarà il suo travaglio! Si compiranno totalmente le profezie di Fatima, i messaggi di Medjugorje, le profezie di santi e profeti. Il Signore manderà un segno visibile a tutti nel cielo: “La grande Croce”, ed alcuni giorni prima ci saranno gli avvertimenti per dare modo di poter tornare, di invocare la misericordia del Padre e la salvezza. La tristezza si tramuterà poi in gioia poiché si vivrà un lungo tempo di pace sulla terra: Dio vivrà in mezzo a voi nell’unione con gli uomini, non ci sarà paura, né guerre, né divisione, ma l’amore condiviso. Si vivrà il vangelo. Tenetevi pronti, figli miei, state desti!”.

1 giugno 2012: “Figli miei, Io vengo sempre a giudicare il mondo. Vengo ogni giorno, nelle creature che tornano alla patria celeste nel giudizio personale: e quante ne sono venute oggi e molte ne verranno domani!... Vengo ad ogni confessione, e vengo presto in questo tempo malvagio per liberarvi nel mio giudizio, dal male di satana; e tutta la terra verrà liberata. Verrò poi ancora nell’ultimo Giudizio dell’umanità..."

Vari riferimenti alla figura del Papa (non fa nomi) nei messaggi di questa mistica.

13 dicembre 2013: "La mia gioia è luce: illumina di chiarore pur nella notte delle prove; dà sostegno alla stessa oscurità se vissuta per amor mio. Essa è sprone, è entusiasmo nell’attesa, alimenta la speranza e la vostra fede, così che, dopo la notte, giunga il nuovo giorno, un’aurora radiosa che porta con sé il suo cambiamento: nei tempi che susseguono ed evolvono in me, nella trasformazione degli eventi… finché non giunga il giorno senza tramonto, né notte, né attesa, ma la certezza di un perenne presente. Avete compreso? Potete comprendere? Non ci sarà più conteggio dell’alternarsi dei tempi, né dolori e tormenti, né dubbi o tenebre, ma il massimo gaudio di una felicità di cui gli amori vissuti sulla terra, le sensazioni amorose tutte unite, non sono che un barlume dell’intensità della sua luce."

10 settembre 2016: “…Con il vostro Pastore tutto concorre alla risurrezione. Quando, dopo aver così operato, non bastasse più né il mio né il vostro richiamo, né venga accolto altro dono di salvezza, per fare in modo che i caproni e i lupi non abbiano con il loro morso a divorare le mie greggi, a devastarvi, io stesso interverrò. Come accadrà in questo tempo: passerò al riparo e alla mia custodia le mie dilette pecorelle e con la verga caccerò, nei bui anfratti oscuri degli abissi, coloro che hanno persistito nella loro malvagità. Abbiate fiducia in me, io non vi abbandonerò mai. Ti benedico”.”

22 novembre 2016: "Mia piccola Maria ribadisco ciò che hai ascoltato durante la S. Messa, puoi dire a D. Armando che sia sereno, io sono con lui e darò parola al suo intervento. Può stare nella pace, poiché egli è nella mia protezione. È un sacerdote tra i tanti dei primi che comprendono la verità sullo stato della Chiesa. Inizia uno spaccato poiché molti saranno vagliati nella Chiesa, in ogni realtà ecclesiale, in ogni Ordine e Congregazione, e tra coloro che avranno scelto la verità si formeranno i miei araldi fedeli con i quali la ricostruirò. Si attuano le profezie annunciate dalle apparizioni della Madonna..."

29 dicembre 2016: “Mia piccola Maria, mia piccola figlia, e cosa credi che io farò se non dividere ed estinguere la zizzania dal grano buono, come dice il Vangelo? Verrò per abbattere i malvagi e il male che hanno diffuso, una parte dell’umanità sarà martire delle genti, poiché già predestinati ad esserlo: sono nati per il martirio e per dare il sangue della loro purificazione; ma la Grazia supplirà alla loro debolezza, che ne darà fortezza e ardimento. Un’altra parte, quella dei buoni, dei giusti, saranno coloro che verranno salvati e preservati per la ricostruzione: è il ‘piccolo Resto’. La moltitudine che vive nella sua perdizione, rinnegando Dio, periranno nella loro ostinata scelta…”

16 gennaio 2017: "...Figli miei onorate i sacerdoti! Guardate in loro la mia presenza, pur se spesso non riflettono il mio volto: pregate per essi, onorateli sull'altare, nei sacramenti che vi danno, ma non dategli con superficialità la direzione della vostra anima: fate discernimento! Molti fra essi sono lupi ammantati da pecore che si fanno suadenti, attrattivi, seduttivi; compiono anche opere buone per attrarre le anime sé, ma per poi corromperle e portarle al loro mercenario. Le vostre anime siano solo mie, restando fedeli solo al mio Vangelo. Non giudicate un santo sacerdozio solo da opere sociali, ma dalla preghiera: se vedete le loro ginocchia piegate dinanzi al Santissimo, se amano la Madonna e la invocano con i fedeli, se vivono una vita santa e aderente al Vangelo. Allora sono miei..."

17 maggio 2017: “…Lo Spirito Santo vuole essere invocato, pregato, perché discenda in voi e nella misura in cui la creatura se ne compenetra egli lo riempie di sé; trasmettendogli i suoi doni; dandogli il potere di espandere e diffondere la sua vita; portando ovunque la sua benedizione e i suoi carismi per il bene delle anime; guarirà i malati, porterà pace, diffonderà il suo amore. Sappiate che in proporzione a come vive l'uomo la sua alleanza con Dio partecipando dei comandamenti, lo Spirito Santo si effonderà come raggi di salute sulla terra, la natura si sentirà riverginizzata ed esulterà del suo rinnovamento di purificazione e rinascita; la Chiesa vivrà la sua santità, le malattie svaniranno, la pace e la giustizia si attueranno nel mondo..."

24 luglio 2017: “…La prima lettura vi evidenzia la vittoria di Dio, alla cui potenza tutte le potenze umane e spirituali si piegano. Egli libera il suo popolo dall'oppressione della potenza egizia, ma dinanzi alla debolezza della fede degli israeliti, mentre fuggono, è Mosè che esorta vigorosamente: "Siate forti! Iddio agirà per voi: voi non vedrete più gli egiziani, e sarete tranquilli!". Questa esortazione alla fede è per ogni tempo e per oggi… Io vi dico che vi saranno dati segni nel cielo presto, come vi predicono molte profezie, i santi e Medjugorie; ma ancora torno ad affermare che la massa, la moltitudine, non crederà, ne darà spiegazioni razionali e scientifiche, perché non c'è fede. Solo “il piccolo Resto”, una parte, li accoglierà poiché crede in me. E beati loro, perché avranno così il tempo di prepararsi nella mia misericordia ed essere salvi…”

25 luglio 2017: “… Mia piccola Maria, non sai riconoscere i Segni? Non vedi che le grate alle finestre si vanno dissolvendo per aprirsi al cammino della completa liberazione? … Oggi il Vangelo vi presenta la dimora che vi attende in Paradiso e che dall'eternità è stata preparata apposta dal Creatore per ognuno di voi… Non rimpiangete, non abbiate recriminazioni se siete vissuti in case povere e anguste, se siete stati rinchiusi in case di cura... se non vi siete appagati della bellezza del creato, non avendo viaggiato e conosciute le delizie lecite della terra, o se non avete assaporato le amicizie sincere, ma ingiustamente trattati; io vi darò una casa grande e aperta che non ha spazi né confini, la cui luce sovrasta e tutto irradia; vi farò viaggiare nell'amore di Dio, farò conoscere le meraviglie di luoghi e natura simili alla Terra ed altri mondi sconosciuti nelle loro bellezze e delizie. Vi farò incontrare solo sguardi limpidi che vi ameranno e non esisterà più inganno. Voi godrete della Casa di Dio!... Nella misura in cui avrete servito sarete serviti nella Dimora del Cielo. Ti benedico”.

Home