Stefania Caterina

11 febbraio 2011: "La sofferenza non regnerà per sempre sulla Terra e neppure la morte. Io tornerò per mettere definitivamente da parte il male e la corruzione, e per decretare la vittoria finale del mio popolo su Satana e i suoi seguaci..." L’umanità non conoscerà più la sofferenza ma solo l’infinita beatitudine dei buoni, dei miti, dei veri adoratori del Padre."

6 gennaio 2013: (S. Michele Arcangelo) "Non temere, piccolo resto della Terra, piccolo gregge amato da Dio! Comincia a rialzare la testa perché si avvicina Colui che è la tua luce: Cristo glorioso, speranza delle genti. Avanza deciso verso la tua libertà! Non guardare la durezza dei cuori attorno a te, non lasciarti scoraggiare dalla misera condizione della Terra, ma fissa lo sguardo sul vero Dio e sulla stella che brilla per te: Maria, tua Madre, figlia di Dio e figlia della tua umanità. Non occuparti di coloro che rifiutano la vita di Dio e sono già morti, anche se apparentemente vivono; occupati invece di chi desidera rinascere dall’alto. Comprendi le parole del tuo Maestro e Signore che ha detto: “Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio.”

1 marzo 2013 (S. Michele): "Vi assicuro che Dio ha alzato la sua mano per dividere la luce dalle tenebre nella sua Chiesa. Dio ha bisogno di un popolo santo, al quale affidare la missione di strappare altri fratelli al peccato e alla morte…
Dio desidera recuperare l'immenso tesoro di santità, verità, dottrina e carità che la Chiesa ha accumulato lungo i secoli... Non permetterà che un simile tesoro sia sperperato da mani corrotte. La vigna del Signore, che è la Chiesa, è carica di frutti: il Figlio di Dio li raccoglierà e li distribuirà ai figli di Dio, suoi fratelli. L'eredità di Dio andrà ai figli di Dio e non ai figli delle tenebre. Sappiano perciò i vignaioli infedeli che non avranno l'eredità, e che non sarà più consentito loro di uccidere i veri eredi (Mt 21, 38-40)… Sono il Precursore della Sua venuta gloriosa e non mancherò di richiamare sempre tutti voi, affinché prepariate con me la via a Colui che verrà, al Santo dei Santi, Signore dell'universo."

20 maggio 2013: "È nel vostro spirito che riposate, più che in tutti gli altri luoghi del mondo. Perciò la contemplazione è il vero riposo, quello che l'uomo conosceva prima del peccato. Gesù è venuto per introdurre l'umanità nel vero riposo di Dio; ha aperto una strada nuova e vivente verso il Padre. Perciò tutto sarà ricapitolato in Gesù Cristo ed egli introdurrà l'intera umanità dell'universo e tutte le creature nella creazione nuova, dove l'uomo ed il creato riposeranno in Dio per sempre, senza più lacrime né fatica, senza corruzione... Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina (Lc 21, 28)"

19 novembre 2013: "L’umanità della Terra si è consegnata a Lucifero fin dal momento del peccato originale. Qui Lucifero ha posto il suo trono; anche lui si è formato un popolo sulla Terra; da qui pensa di espandere il suo regno in tutto il basso universo. La situazione è grave sul vostro pianeta ma la maggior parte di voi è del tutto ignara del pericolo che corre, indaffarata com’è a sopravvivere. Il potere sulla Terra è saldamente nelle mani di una gerarchia che serve Lucifero; potete vedere dove vi sta portando: la Terra è un luogo di disperazione, conosciuto in tutto l’universo come il “pianeta della morte”, pericoloso e ostile. Nonostante ciò, Dio ha stabilito di inviarvi l’aiuto dall’universo e lo farà, ponendo un limite alla furbizia e all’arroganza degli uomini della Terra che non vogliono accettare la realtà così come è in Dio, né piegarsi ai suoi voleri.
Quando sarà il momento, Dio ordinerà loro di mostrarsi apertamente a tutta l’umanità della Terra. A quel punto, non serviranno più a nulla le menzogne dei vostri governanti, né le vostre armi e neppure i vostri scudi stellari. Vedrete allora i segni dal cielo, nel sole, nella luna e nelle stelle (Lc 21, 25).

1 gennaio 2014: "L’anno che si apre davanti a voi per certi versi sarà bello, per altri versi molto difficile. Sarà bello per chi ha scelto me: chi ha scelto la mia vita avrà grazie sempre più abbondanti. Infatti, tutte le grazie rifiutate da tanti uomini le darò a coloro che rispondono sinceramente. Sarà un anno difficile per l’umanità del basso universo, in modo particolare per la Terra: tutto ciò che non è stato fatto in questi anni e lungo i millenni dai cristiani della Terra grava come un peso su tutta l’umanità del vostro pianeta. Devo perciò cominciare a purificare profondamente il mio popolo sulla Terra, devo purificare la Chiesa..."

13 marzo 2017: "Miei cari figli, oggi desidero dirvi che Dio ascolta e comprende. Ascolta le vostre preghiere e comprende le vostre necessità. Voi, però, dovete imparare a pregare bene. Vi spiego come pregare: presentate a Dio i problemi e le necessità che vi assillano e lasciateli a Lui; lasciate ai suoi piedi anche i vostri peccati e quelli degli altri. Chiedete aiuto a Dio ma non imponetegli le vostre soluzioni. Dio ha le sue soluzioni che sono sempre migliori delle vostre. In ogni prova, chiedete a Dio, prima di tutto, che vi faccia capire ciò che dovete correggere in voi; c’è sempre qualcosa da correggere. Poi lasciate tutto nelle sue mani, lasciate scorrere le cose come vengono senza tormentarvi più. Entrerete così nella pace di Dio e vedrete le cose sotto una luce nuova. Lo Spirito Santo vi ispirerà nuovi propositi e nuove idee; le soluzioni si presenteranno ai vostri occhi senza fatica e senza affanni. Siate certi che Dio ascolta le preghiere di chi ha fede..."

15 aprile 2017: “Carissimi figli, desidero passare questo momento qui con voi, benedirvi, ringraziarvi perché voi attendete che ancora una volta la mia luce torni in questo mondo e tornerà. Figli, io tornerò presto e voglio che voi siate pronti. Il mondo crede che io sia in un sepolcro ma quel sepolcro si aprirà e questa volta sarà per sempre. Nessuno potrà più tenere prigioniero il mio popolo nei tanti sepolcri costruiti su questa Terra e nel basso universo.
Vi aspettano giorni grandiosi e anche giorni difficili, ma non dovete spaventarvi: il tempo va verso la fine. Non dico che questo sarà domani ma il tempo si fa breve perché io sto per tornare nel mondo a favore di tutto l’universo così come ho già fatto una volta, ma questa volta sarà per raccogliere il mio popolo e per portarlo con me nel mio Regno senza fine, nel Regno dove la luce sarà eterna e dove la notte non ci sarà più, dove splenderà la vita negli uomini, nelle creature.
Voi siete la primizia dell’umanità e io vi ho scelti in questo mondo e vi ho affidato un compito grande, quello di tenere viva la memoria del mio ritorno. Così come il popolo d’Israele doveva tenere viva la memoria della mia prima venuta, voi dovete tenere viva la memoria del mio ritorno perché io ho promesso che tornerò e tornerò. Il mondo e anche molta parte della Chiesa ha dimenticato questa verità ma io tornerò e vi chiamo ad essere quel popolo che tiene accesa sempre la lucerna, che ha i fianchi cinti, il bastone in mano, pronto per andare ad annunciare la mia vita che nasce, che cresce e che non morirà mai..."

13 maggio 2017: “… Questo è l’annuncio che intendo portare per l’ultima volta sulla Terra:
- L’umanità esiste in tutto l’universo;
- Tutta l’umanità dovrà scegliere fra Gesù Cristo e Lucifero. Solo attraverso Gesù Cristo potrà giungere al vero Dio: Padre, Figlio e Spirito Santo;
- L’umanità che avrà accolto Gesù Cristo, sarà radunata da ogni pianeta per formare un solo popolo, unito a mio Figlio, Sommo Sacerdote. Sarà un popolo umile ma forte in Dio, che non conoscerà più distanze né barriere.
Vi prometto, per l’amore che mi portate, che sarò sempre con voi. Dovunque sarete, io sarò con voi. Vi sarò accanto in tutte le prove, nella gioia e nelle difficoltà. Sarò la vostra voce davanti a Dio e voi siate la mia voce davanti agli uomini. Dio, che è vostro Padre, vi ama e vi vuole tutti felici e salvi. Vuole portarvi in una creazione nuova, così bella e pura che neppure potete immaginare ma che è preparata per voi alla fine dei tempi.
Abbiate fede, figlioli! Io vi aspetto nella nuova creazione, ma sono già qui con voi e cammino con voi sulle strade del mondo, sulle strade di ogni uomo verso la creazione nuova..."

13 gennaio 2018. "...Mio Figlio Gesù ha aperto la strada della piena riconciliazione fra Dio e gli uomini e tra i figli di Dio. Perciò, verrà il tempo in cui non ci saranno più distanze fra gli esseri umani, perché Dio stesso le annullerà. Chiamerà i suoi figli da ogni angolo dell’universo. Tutti coloro che riconosceranno come unico Dio il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo e che, rinunciando al peccato, lo serviranno fedelmente, saranno introdotti in una creazione nuova, dove Satana e la morte non regneranno più. Farà di tutti gli uomini dell’universo un popolo solo ed Egli sarà il loro Dio. Questa sarà la Chiesa di Gesù Cristo di tutto l’universo.
Quel tempo si sta avvicinando, figli miei, ed io desidero prepararvi ai grandi eventi che coinvolgeranno l’intera umanità. Sappiate che esiste già la Chiesa di Gesù Cristo di tutto l’universo. Essa è un popolo immenso, che vive su diversi pianeti ma che è un cuor solo e un’anima sola, perché ha creduto in Dio Trino e Uno ed ha accolto mio Figlio Gesù come Signore e Salvatore. Questa Chiesa attende di unirsi a quanti sulla Terra riconoscono e adorano lo stesso vero Dio..."


A proposito di altra vita oltre il pianeta Terra, c'è un illustre precedente nell'opera di Maria Valtorta.
Dai Quaderni del '43:

22 agosto 1943: "Sarei un ben piccolo e limitato Iddio Creatore se non avessi creato che la Terra come mondo abitato! Con un palpito del mio volere ho suscitato mondi e mondi dal nulla e li ho proiettati, pulviscolo luminoso, nell'immensità del firmamento. La Terra, di cui siete tanto orgogliosi e tanto feroci, non è che uno dei pulviscoli rotanti nell'infinito, e non il più grande. Certo però è il più corrotto. Vite e vite pullulano nei milioni di mondi che sono la gioia del vostro sguardo nelle notti serene, e la perfezione di Dio vi apparirà quando potrete vedere, con la vista intellettuale dello spirito ricongiunto a Dio, le meraviglie di quei mondi."

28 agosto 1943: Dice Gesù: "Nulla è ignoto al Dio Uno e Trino. Tutti gli avvenimenti dell’Universo: nascite e morti di pianeti, formarsi e disgregarsi di nebulose, vita o morte sugli astri lanciati nello spazio, cataclismi, deflagrazioni, sono conosciuti, in eterno, dall’Eterno. E ugualmente in eterno sono conosciuti tutti gli avvenimenti della Terra: uno dei milioni di mondi creati da Dio, quello che a voi è noto perché ne siete abitatori…
Spingi lo sguardo, o Maria, nell’eternità nostra. Immergiti in questo segno di Dio. È come se tu affissi lo sguardo verso un cielo tersissimo e pensi che oltre quell’azzurro, che ti pare limite, è altro, altro, altro spazio sconfinato, sempre più alto... Il suo azzurro è fatto di milioni incalcolabili di chilometri di etere nel quale danzano i mondi creati dal Padre mio
Quanti misteri ha ancora l’Universo per voi! Siete immersi nel mistero. Mistero di Dio. Mistero dei perché di Dio. Mistero della seconda vita. Mistero di leggi cosmiche. Mistero di rapporti fra questo vostro pianeta e gli altri mondi. Mistero dei rapporti fra i viventi sulla terra e i già passati alla seconda vita."

24 novembre 1943: "Davanti a un Dio che incarna parte di Sé stesso per farne salvezza delle sue creature colpevoli, l‘Universo trasecola di stupore e si prostra in un silenzio adorante prima di esplodere nel cantico delle sfere e dei mondi, giubilanti per la Perfezione che scende a portare l‘Amore al pianeta coperto di peccato."

9 dicembre 1943: "Allora verrò, non più Maestro ma Re, a prendere possesso della mia Chiesa militante, ormai fatta Una e Universale come la mia Volontà la fece. Cessato per essa il secolare travaglio. Vinto per sempre il Nemico. Mondata la Terra dai fiumi della Grazia scesa per un’ultima volta su di essa a farla come era al principio, quando il peccato non aveva corrotto questo altare planetario destinato a cantare con gli altri pianeti le lodi di Dio, e per la colpa dell’uomo divenuto base al patibolo del suo Signore fatto Carne per salvare la Terra. Vinti tutti i seduttori, tutti i persecutori che con ritmo incalzante hanno turbato la Chiesa mia sposa, Essa conoscerà la tranquillità e la gloria."

29 gennaio 1944: "Quando il tempo sarà finito e la vita dovrà essere unicamente Vita nei cieli, il mondo universo tornerà, come hai pensato, ad essere quale era all’inizio, prima d’esser dissolto completamente. Il che avverrà quando io avrò giudicato.
Molti pensano che dal momento della fine al Giudizio universale vi sarà un attimo solo. Ma Dio sarà buono sino alla fine, o figlia. Buono e giusto. Non tutti i viventi dell’ora estrema saranno santi e non tutti dannati. Vi saranno fra quei primi coloro che sono destinati al Cielo ma che hanno un che da espiare. Ingiusto sarei se annullassi ad essi l’espiazione che pure ho comminata a tutti coloro che li hanno preceduti trovandosi nelle loro medesime condizioni alla loro morte.
Perciò, mentre la giustizia e la fine verranno per altri pianeti, e come faci su cui uno soffia si spegneranno uno ad uno gli astri del cielo, e oscurità e gelo andranno aumentando, nelle mie ore che sono i vostri secoli – e già si è iniziata l’ora dell’oscurità, nei firmamenti come nei cuori – i viventi dell’ultima ora, morti nell’ultima ora, meritevoli di Cielo ma bisognosi di mondarsi ancora, andranno nel fuoco purificatore. Aumenterò gli ardori di quel fuoco perché più sollecita sia la purificazione e non troppo attendano i beati di portare alla glorificazione la loro carne santa e di far gioire anche la stessa vedendo il suo Dio, il suo Gesù nella sua perfezione e nel suo trionfo."


(l'opera di Maria Valtorta e affermazione di autenticità da parte della Madonna a Medjugorje)

Medjugorje, 25 gennaio 1991: “Cari figli, oggi come mai prima vi invito alla preghiera. Che la vostra preghiera sia preghiera per la pace. Satana é forte e desidera distruggere non solo la vita umana ma anche la natura e il pianeta su cui vivete..."

Considerazioni sul suo primo libro "Oltre la grande barriera" (uscito nel 2008)

Su vita nell'universo analogie con altri carismatici:
Nicola Reina (dal 1994)
Giorgio Dibitonto (dal 1980)

Home

"Del Signore è la terra e quanto contiene,
l'universo e i suoi abitanti." (S 23, 1)