Valentina - Sydney


Valentina Papagna è emigrata a Sydney, in Australia nel 1955 dalla Slovenia, dopo aver vissuto momenti difficili nei suoi primi anni. Nel 1988, due anni dopo l'improvvisa morte di suo marito, Valentina ha iniziato a ricevere visioni e messaggi Gesù e da Maria. Da quel momento in poi la sua vita è cambiata da cattolica tiepida a grande devota. Qui racconta come tutto era iniziato.


I messaggi più recenti in fondo alla pagina



29 febbraio 2020: Ero seduta nel mio salotto. Di fronte a me, sparsi sul tavolino, c'erano alcuni messaggi degli anni precedenti. Nostro Signore mi ha detto: "Perché non leggi alcuni dei messaggi che sono davanti a te". Ho obbedito. Il primo messaggio che ho preso in mano era del 26 novembre 2004, sul piano per distruggere la popolazione mondiale usando armi biologiche. Mentre leggevo il messaggio, mi sono detta: "Oh mio Dio, questo è ciò che sta accadendo ora nel mondo".

Nostro Signore ha risposto: “Quando ti ho dato i messaggi, li hai scritti e poi non ci hai più pensato, ma sono le profezie che stanno per adempiersi ora. Tutti i virus sono prodotti nei laboratori da persone malvagie, poi li testano sugli esseri umani diffondendoli qua e là per vedere come reagiscono le persone. Poi subito diffondono il virus e diventa globale. Di’ alla gente di non biasimarmi per questo perché vi avevo avvertito molti anni prima. Vi avverto sempre e vi preparo per ciò che sta arrivando. Pentitevi e siate sempre in stato di grazia. Fidatevi di me."


01 marzo 2020: Ieri sera Sydney ha celebrato il suo annuale martedì grasso gay e lesbico. Ho partecipato alla Santa Messa nella Cattedrale di San Patrizio, Parramatta. Dopo la Santa Comunione, nostro Signore Gesù mi è apparso e ha detto: “Ripara il peccato commesso ieri sera a Sydney. Sono terribilmente offeso e il mio cuore è addolorato. Come può la mia benedizione venire sulla città di Sydney quando tale peccato della carne è commesso, esposto in pubblico e supportato da così tante persone. Ciò che vedo, e che sta peggiorando, è come il diavolo sta portando le persone al peccato e alla perdizione. Le persone sono cieche e non si accorgono di essere guidate dal diavolo. Non posso più vedere tutti questi atti peccaminosi. Questi stessi atti furono commessi ai tempi di Noè, Sodoma e Gomorra. Questi tempi sono persino peggiori. Il mio giudizio si avvicina sempre di più. Se la mia Misericordia non li raggiunge, allora sarò costretto a punirli. "
Gli dissi: "Signore, non è giusto che tutti noi dobbiamo subire tale punizione a causa dei loro peccati". Gesù ha detto: “Non temere, abbi fiducia in me. Conosco il mio popolo e mi prenderò cura di loro, ma i malvagi periranno. Prega per loro affinché si convertano e affinché la mia Misericordia possa toccarli."


11 marzo 2020: "Questa sera, dopo aver finito le mie preghiere, pensavo che mi sarei riposata bene la notte, ma poi ho capito che non doveva essere. Ho avuto un terribile dolore fisico improvviso. Era come se stessi camminando su carboni ardenti. È stato così doloroso. Ho provato a pregare, ma non potevo perché il dolore era intenso, insopportabile. Improvvisamente, Dio Padre è venuto a me e ha detto:
“Figlia mia, vengo a parlarti per darti coraggio, e vengo a dirti che stasera tuo Padre permette questo dolore intenso. So che è molto doloroso, ma starò con te e ti spiegherò perché devi soffrire e per quale motivo. È per le persone che muoiono di questa malattia. Così tanti! Stasera uso la tua sofferenza per i figli italiani che amo così tanto, ma ti confido che la maggior parte di questi non crede più in me. Vivono con noncuranza e senza Dio! Tuttavia, li amo ancora e voglio salvarli, quindi invio loro queste malattie sperando che possano venire a chiedermi di aiutarli, ma mi ignorano completamente."
Ho chiesto a Dio Padre: “Padre, come possono amarti per aver inviato loro questa terribile malattia? Ti odieranno ancora di più per questo."
“Figlia mia, quando le persone mi negano e mi respingono, non ho altro mezzo o scelta se non quella di inviare loro qualche tipo di punizione, di svegliarli e di mostrare loro che io esisto e di salvarli, e per dire loro che io il Creatore li amo così tanto, figli miei. Mando in tutto il mondo i miei profeti in modo che possano dire loro e insegnare loro che io esisto e do loro un segno con eventi meteorologici e malattie estreme, eppure non vengono a chiedere: – Padre, perdonaci per tutto il torto che ti facciamo. Sai che sono disposto a perdonarli e a dire loro quanto li amo... Osservare il mondo ora, così peccaminoso e corrotto, mi spezza il cuore. Condivido il mio dolore con te e il dolore che ti offro, mi consola enormemente. So, figlia mia, che mi ami molto e mi parli di tutta la tua tristezza e di tutte le tue gioie, mi ringrazi sempre per tutto, e soprattutto preghi sempre per gli altri e mi chiedi di aiutarli e io ti ascolto. Voglio che tu dica ai miei figli di pentirsi dei loro peccati e di essere liberi dal male che li attacca quotidianamente, così malvagiamente. Di' ai miei figli di pregare e di fidarsi di me. Le cose possono cambiare in meglio. C'è ancora speranza."


22 marzo 2020: “Di' alla gente che con il mio amore e misericordia voglio che le persone abbiano fiducia in me e preghino, così che presto solleverò questa oscura nuvola nera e le cose torneranno alla normalità. Spero che attraverso questo le persone impareranno; devono tornare a Dio e devono pentirsi. Dai loro coraggio e speranza e di' loro che io, il Signore, sono sempre con loro... Dovete ricordare che tutti appartenete al Cielo. Non abbiate paura. La paura è la cosa peggiore. Con tutta la soppressione, le restrizioni e i controlli che provengono dalla società, abbiate fiducia in me... tutto il Paradiso sta pregando per voi... I miei pastori hanno paura di tenere aperte le chiese... Il diavolo ha posto molta paura in loro. Quanta mancanza di fiducia in me!"


Torna su          Home